Passeggini Vuoti

Migliaia di famiglie si sono ritrovate al Colosseo per alzare i riflettori su una vera e propria emergenza, quella demografica. In Italia si fanno pochi figli. Troppo pochi. La società la subisce, la politica e le istituzione stanno a guardare. È un tema di cui si parla, si analizzano le conseguenze future, ma quando si tratta di fare leggi per agevolare la famiglia e la nascita di figli, tutto resta un fiume di parole. Inutili e ripetitive. Per l’iniziativa dei passeggini vuoti di fronte a uno dei simboli architettonici di Roma, non si è scelto un giorno a caso: la festa della mamma. “In questo giorno -dichiara Gianluca De Palo, presidente nazionale del Foro delle associazioni familiari-vogliamo porre al centro dell’opinione pubblica il tema dei prossimi vent’anni in Italia: il fatto che non facciamo più figli”. Mamme e papà hanno portato al Colosseo centinaia di passeggini e seggioloni vuoti, per richiamare l’attenzione in maniera plastica su una realtà molto sentita, ma per la quale non si fa abbastanza.Gli organizzatori hanno denunciato una triste condizione:”Oggi in Italia fare un figlio è una delle prime cause di povertà. I giovani e le donne vorrebbero fare 2 o più figli ma non è possibile, non riescono a realizzare i loro sogni”. Il mantenimento di un figlio ha costi proibitivi per chi ha un lavoro a reddito basso, la donna che studia prima di potersi realizzare vede scivolare via il suo orologio biologico. Ciò che serve per far crescere un figlio ha costi sostenuti, poche agevolazioni, e la situazione non migliora quando si devono affrontare gli anni scolastici. Il messaggio dell’iniziativa è chiaro: “Un Paese che non riesce ad assicurare ai suoi cittadini il minimo indispensabile per la sua crescita (un lavoro, una casa,una famiglia con figli) non va da nessuna parte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *