Tragedie: Sempre Troppo Tardi

Da quanto viene reso noto dal quotidiano “Il Messaggero” la rotaia che ha ceduto sulla linea Cremona- Milano stava per essere sostituita. La notizia rende l’animo ancora più angosciato. Sempre troppo tardi. Sempre dopo vite spezzate. Sempre quando ormai le tragedie sono avvenute e niente può far tornare indietro il tempo. L’incidente è accaduto da pochi giorni e chissà quanti ne occorreranno per svolgere le indagini più approfondite ma da più parti rimbalza una parola che fa veramente rabbia: scarsa manutenzione. E se questo mosse il motivo definitivo è inaccettabile, perché è l’ennesima volta. Sulla linea sulla quale si è verificato l’incidente erano in corso lavori di manutenzione. C’è una foto che gira sul web che mostra proprio il punto in cui è avvenuto il cedimento della rotaia, due chilometri circa prima di quello in cui il treno si è poi scomposto. Una ventina di centimetri la lunghezza della rotaia mancante. Nelle vicinanze il tratto di binario che avrebbe dovuto sostituire quello vecchio. La ricostruzione più logica è che al passaggio delle prime carrozze la rotaia cede, ma ad uscire dai binari sono quelle centrali. Il treno prosegue nel suo tragitto ma le ruote delle carrozze centrali sono ormai fuori binario. Inevitabile il deragliamento. E così Pierangela, Ida e Giuseppina muoiono e 95 restano ferite, alcune gravemente. Il fascicolo per ora è contro ignoti ma i nomi dei primi indagati potrebbero arrivare presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *